Come si fa a gestire un ecommerce

Ecommerce: creare un business plan

Aprire un ecommerce può sembrare un’idea imprenditoriale semplice, ma affinché diventi un’attività redditizia è importante sapere come gestirlo.

Purtroppo aprire un sito e aspettare che i clienti arrivino non crea alcun profitto.

Il sito dovrà:

  • prevedere una struttura e dei contenuti che ne favoriscono l’indicizzazione sui motori di ricerca,
  • presentarsi con una veste grafica che invogli all’acquisto,
  • essere sostenuto da specifiche azioni di marketing.

Bisognerà inoltre saper gestire il processo di acquisto delle merci, stabilire il prezzo di vendita, quindi provvedere alle spedizioni.

Insomma anche per un negozio virtuale c’è tanto lavoro da fare.

Ecco allora alcuni suggerimenti per partire.

 

La scelta dei prodotti da vendere

 

Se si vuole dare lunga vita al proprio ecommerce è importante fin da subito dargli un indirizzo chiaro.

Un errore comune è quello di partire vendendo merci troppo variegate tra loro.

Proprio come avviene per un negozio reale, anche per quello virtuale, è necessario stabilire a monte quali articoli si andranno a trattare.

Nel mercato online questo è particolarmente utile perché i clienti, indirizzati anche dai motori di ricerca, acquisteranno solo da due tipi di store: o i grandi portali (con i quali nessun piccolo imprenditore può competere) o i siti altamente specializzati.

Focalizzare subito l’ecommerce intorno a un genere di prodotto è fondamentale quindi per posizionarsi sui motori di ricerca e nella mente dei clienti.

É importante in ogni caso scegliere articoli per i quali c’è un mercato profittevole.

Si può vendere a molti ad un prezzo conveniente puntando ad un guadagno piccolo, ma ripetuto oppure vendere a pochi magari scegliendo una nicchia di mercato dove però ogni acquisto offre un guadagno alto.

Insomma i ricavi devono superare gli investimenti necessari a creare e gestire l’ecommerce.

 

La strategia di marketing

 

É probabilmente l’aspetto più importante.

Prodotti di alta qualità e proposti a un prezzo conveniente rischiano di restare invenduti se non proposti in maniera adeguata.

Il marketing deve essere progettato pensando alla specifica clientela da raggiungere.

Non tutti gli articoli possono essere pubblicizzati allo stesso modo, ma alcune strategie sono sempre valide.

La ricerca di un buon posizionamento, sponsorizzazioni effettuate anche su riviste di settore e la ricerca di una serie di recensioni da parte dei clienti soddisfatti sono senza dubbio aspetti essenziali per raggiungere i nuovi clienti e offrire loro un’immagine che ispiri fiducia e affidabilità.

 

Scelta dei collaboratori

 

Nella fase iniziale molte attività possono essere svolte anche autonomamente, ma alcune figure professionali devono supportare la gestione dell’ecommerce se non si hanno specifiche competenze.

É necessario avere al proprio fianco esperti del web sia per curare il posizionamento sia per rendere il sito sicuro soprattutto nella gestione dei dati dell’utente e delle transazioni economiche.

É inoltre importantissima la scelta di un commercialista sempre aggiornato in merito alle nuove normative soprattutto se si sceglie di acquistare e vendere anche all’estero.

Ultimo, ma assolutamente non ultimo, bisogna scegliere corrieri affidabili per le spedizioni.

 

Fonte: Ecommerce-plan.it