Piscina in giardino, meglio una fuori terra

piscina-01

Arriva la primavera e con lei le temperature gradevoli, la voglia di trascorrere serate in compagnia e, perché no, di farsi anche una bella nuotata. Se si ha un giardino non si può perdere l’occasione di installare una bella piscina che possa fare felici grandi e bambini. Ma quanto costa realizzare una piscina? E soprattutto, quanto tempo ci vuole per realizzarla? Quali sono gli impegni burocratici da espletare? Se tutte queste domande vi stanno facendo passare la voglia di nuotare, perché non pensare a una piscina fuori terra?

Piscina fuori terra: non solo pratica

In molti declinano questa opzione perché pensano che la piscina fuori terra sia un qualcosa di poco elegante adatta più alle case di campagna, per i bambini, ma non idonea per gli adulti. Ebbene, niente di più vicino al pregiudizio piuttosto che alla realtà. Infatti, ci sono sì diversi modelli di piscine fuori terra diciamo, dal mood sportivo, ma è anche vero che ci sono diverse piscine fuori terra o semi interrate di grande impatto estetico e che nulla hanno da invidiare alle classiche e sofisticate piscine interrate.

Purtroppo molti sono ancora rimasti ancorati al vecchio concetto di piscina fuori terra, quella cioè che si piazza in giardino con poche mosse, è vero, ma che ha un aspetto più da gioco per bambini che non da divertimento anche per gli adulti. Le classiche piscine fuori terra in PVC sono le più comuni, anche se oggi sono state realizzate alcune con un design fresco e giovane, come la linea POP di Laghetto, ma ci sono anche le più sofisticate in legno o cristallo che possono essere tranquillamente inserite nel contesto botanico più ricercato.

Facili da montare e da smontare

Il grande vantaggio delle piscine fuori terra è che possono essere installate nel proprio giardino con grande facilità. Bastano un paio d’ore di lavoro se si è in due e la piscina è pronta per essere riempita. Stessa cosa dicasi se si vuole smontare la piscina per riporla al chiuso durante la stagione invernale. pochi gesti per piegarla e riporla, per esempio, in garage. Chiaramente se si parla di piscine fuori terra più sofisticate, gli amanti del fai da te troveranno certamente ottimi spunti, ma in questo caso sarà bene poi non smontala per la stagione invernale, ma sarà sufficiente coprirla e osservare le regole di manutenzione che si osservano per una piscina interrata.

piscine-02Ma questo non è di certo l’unico vantaggio. Con una piscina fuori terra, infatti, non c’è bisogno di richiedere alcun permesso agli uffici tecnici del Comune dato che non si dovranno effettuare scavi o messa in posa di piastrelle. Quindi si può eliminare tranquillamente la parte burocratica. Inoltre una piscina fuori terra ha una gamma di prezzi molto variegata e, senza dubbio, ci costa decisamente meno di una piscina interrata prima di tutto perché possiamo risparmiare sulla mano d’opera e sui materiali. Questo non significa che i materiali della piscina fuori terra siano scadenti, al contrario, oggi esistono diversi materiali tecnici che consentono alle pareti in pvc di resistere alle intemperie climatiche.

Insomma, se si ha voglia di fare un tuffo e non si vuole attendere troppo o spendere un capitale, la scelta giusta è la piscina fuori terra, per ulteriori informazioni www.piscinelaghetto.com.