Scegliere un notaio a Milano tra servizio e preventivo notarile

Immagine

Se state cercando un notaio a Milano, vi sarete forse accorti che scegliere è meno facile di quanto potrebbe sembrare a prima vista. Se invece non vi siete ancora messi in pista, ma state per farle, be’, ve ne accorgerete presto. Sebbene la distribuzione degli studi notarili sia stabilita per legge in modo che il servizio reso ai cittadini sia uniformemente presente su tutto il territorio nazionale in base al numero di abitanti, è infatti evidente che di notai a Milano ce ne sono davvero tanti, non fosse altro che proprio per quanti vivono in città e possono dunque aver bisogno di questo professionista: ed ecco che si ingenera quello che potremmo definire il classico imbarazzo della scelta. Tra tutti questi studi notarili milanesi, quale scelgo? In base a cosa? Come faccio a scegliere ciò che è meglio per me? Sempre più persone, forti del giusto deside
rio di informarsi in modo corretto prima di prendere una decisione e dunque di non farsi guidare dal caso, si pongono queste domande, che le portano a inoltrarsi nel mondo non certo semplice del notariato.

Qualche indicazione per scegliere il tuo notaio a Milano

Dunque, ci siamo messi alla ricerca di un notaio Milano e ora ci stiamo interrogando su come scegliere tra i molti nomi che abbiamo davanti. La prima cosa che ci viene in mente, naturalmente, è quella di chiedere un preventivo: sapere quanto ci costerà è un parametro intuitivo e indubbiamente importante, ma siamo sicuri che sia l’unico? Secondo aspetto che istintivamente andremo a prendere in considerazione è quello della posizione: tra i notai di Milano, saremo portati a scegliere quello che si trova in posizione più comoda rispetto a dove abitiamo o lavoriamo. Ma siamo sicuri che una buona scelta non valga qualche metro in più?

È proprio qui che nascono i problemi, perché una ricetta valida per tutti purtroppo non si può dare: qualche importante indicazione sì, però. Dovremmo infatti ricordarci sempre che il notaio è probabilmente il massimo esperto nelle questioni di cui si occupa e che difficilmente potremo avere un consulente più preparato di lui, con in più la sicurezza che tutto quanto ci dirà e ci consiglierà di fare sarà in tutto e per tutto conforme alla legge. Le domande che forse dovremmo porci dunque dovrebbero riguardare il come percepiamo lo studio, il servizio offerto, la disponibilità del notaio, la propensione a fornirci una consulenza, come ci sentiamo considerati e accolti. È proprio per questi motivi che non è possibile dare una soluzione uguale per tutti: si tratta di parametri molto personali e che dunque variano a seconda di propensioni
, caratteri, situazioni. Ed è anche questo il motivo per cui è possibile che anche il passaparola fallisca miseramente: ciò che vale per il mio parente o il mio amico, per quanto in buona fede, può non valere per me.

Teniamo sempre a mente che le questioni per cui ci stiamo rivolgendo a questo professionista avranno probabilmente un impatto importante nelle nostre vite (d’altra parte proprio la tutela del cittadino in queste occasioni è uno dei compiti principali del notaio): quindi armiamoci di tutto il nostro intuito e la nostra buona volontà per scegliere al meglio. Di notai a Milano, si diceva, ce ne sono per tutti i gusti: sicuramente anche quello che fa per noi.